Vivat Germania latina, Vivat Latinitas teutonica!

Dino De Poli

Apertura del Convegno



C'è in me una profonda emozione intellettuale nel vedere l'apertura del Convegno sulla Germania Latina organizzato da questa prestigiosa Università.

Esso ci consente di andare non soltanto alle Vostre radici, ma insieme alle radici della comune storia europea.

Le leggi della fisica ci insegnano che tutti i pozzi profondi sono intercomunicanti.

La "latinità teutonica" è il pozzo profondo che ha collegato tutti i più importanti momenti della storia tedesca, con la storia di Roma della latinità e della cristianità.

E' un dato storico quello che ci consente di vedere come l'esplosione dei nazionalismi che non avevano più remore dopo la caduta formale del Sacro Romano Impero abbia aperto la strada a conflitti ed interessi che hanno profondamente colpito la solidarietà e la storia comune degli europei. Avviandoci verso l'unità dell'Europa occorre riscoprire e ricostituire la sua unità culturale prima della sua unità politica, oltre ogni naturale e storica diversità nazionale: "Europa diversa non adversa".

Abbiamo già chiesto troppi miracoli all'economia ed ora anche all'Euro.

Chiedere ancora oltre non è più possibile.

In un'epoca in cui altresì si guarda con ogni attenzione e preoccupazione ai processi della globalizzazione, occorre mantenere dentro l'unità dell'europa le identità regionali e nazionali, intese non come barriere fra realtà ostili, ma come punti di riferimento e di collegamento fra realtà solidali.

Avendo Monaco aperto questa strada, altre iniziative, sempre a livello delle Università seguiranno, ma l'eco di questa impresa ha già fatto scattare l'organizzazione di un Convegno a Londra sulla "Britannia Latina".

Ecco, dunque, come seminare e che cosa seminare con la pazienza del contadino, che opera e si muove nella filosofia di vita delle quattro stagioni.

Il mio saluto in questo Convegno ha questo significato augurale.

Grazie di aver operato in modo così mirabile: i frutti del Convegno vanno oltre che alle Università a tutta l'Europa e al suo insostituibile ruolo di libertà, di solidarietà, di pace nel mondo.

On. Avv. Dino De Poli

Presidente della Fondazione Cassamarca



Autor (author): Dino De Poli
Dokument erstellt (document created): 2002-08-13
Dokument geändert (last update): 2002-08-19
WWW-Redaktion (conversion into HTML): Manuela Kahle & Stephan Halder
Schlussredaktion (final editing):Heinrich C. Kuhn