Cesare Cremonini: volti e maschere di un filosofo scomodo per tre secoli e mezzo

[Versione del marzo 1999 per la pubblicazione negli atti del convegno]

[Cremoninus corona peripateticorum]

Autore: Heinrich C. Kuhn
Data della pubblicazione nel WWW: 1999-04-12
Data dell'ultima revisione: 1999-04-12




Il saggio qui presentato è in qualche modo congeniale al Cremonini o almeno al Cremonini in una delle sue maschere, congeniale al Cremonini filosofo al cervello pietrificato, nemico del nuovo: è un testo che contiene niente di veramente nuovo . [1]

Proverò soltanto qualche riflessione sulle immagini mentali del personaggio Cremonini trovati nella letteratura sul Cremonini . [2] Di questa letteratura emerge un Cremonini a plurimi volti, o, piuttosto, a uno o plurimi volti quasi sempre coperti di una di varie maschere. Emerge un filosofo mascherato e sempre scomodo perché queste maschere spesso non servono solo per giochi carnevaleschi, ma per dare un certo ruolo al Cremonini, che è sempre un Cremonini di coloro che scrivono su di lui. Questo ruolo è spesso un ruolo inquietante, che fa di Cremonini un filosofo scomodo, scomodo per più di tre secoli e mezzo, scomodo anche oggi. Ed anche per questo Cremonini vale essere studiato.

Comincio con la maschera che è forse la maschera più comune con la quale incontriamo il Cremonini:

_

Maschera prima: La maschera del Cieco


È una maschera prima vecchia, poi non usata, poi molto amata. È una delle maschere applicate già al volto del Cremonini vivente da Paolo Gualdo nelle sue righe sulla reazione (o non-reazione) alle scoperte fatte dal Galilei con il mezzo del cannocchiale. Queste righe sono conosciutissime, ma ne cito comunque il secondo brano, cioè quello del 29 Luglio 1611 [3] perché ci offre nuclearmente il Leitmotiv dei testi che costituiscono questa maschera:

"

Fui uno di questi giorni dal S.r Cremonino, et entrando a ragionare di V.S., io le dissi, così burlando: Il S.r Galilei sta con trepidatione [4] aspettando ch' esca l' opra [!] di V.S . [5] Mi rispose: Non ha occassione di trepidare, perchè io non faccio mentione alcuna di queste sue osservationi. Io risposi: Basta ch' ella tiene tutto l' opposito di quello che tiene esso. O, questo sì disse, non volendo approvare cose di che io non ne ho cognitione alcuna, nè l' ho vedute. Questo è quello, dico, c' ha dispiacciuto al S.r Galilei, ch' ella non habbia voluto vederle. Rispose: Credo che altri che lui non l' habbia veduto; e poi quel mirare per quegli ochiali m' imbalordiscon la testa: basta, non ne voglio saper altro. Io risposi: V.S. iuravit in verba Magistri; e fa bene a seguitare la santa antichità . [6]

"

Questo Cremonini volontariamente cieco, per il quale il mondo dei filosofi è identico al contenuto dei testi di Aristotele, è un Cremonini molto popolare. Ha trovato - per quanto io ne sappia - la sua resurrezione grazie a Ernest Renan [7] che ne faceva uso sia per il suo giudizio sull'aristotelismo padovano in genere ("insignificante come filosofia ") [8] sia specialmente sul Cremonini (autore di "discussioni fastidiose ", [9] eclettico superficiale, [10] "ultimo scolastico ", [11] probabilmente anche rovinatore della scuola peripatetica in Italia [12] ). Più o meno lo stesso tenore d'espressione si trova anche nelle pagine di Cesare Cantù , [13] , di Francesco Fiorentino , [14] e trova espressione molto forte anche nella sola ampia monografia ottocentesca sul Cremonini, quella di Léopold Mabilleau: incontriamo il Cremonini come uomo mediocre , [15] come qualcuno contrario a ogni esperienza diretta , [16] come personaggio che si autoeliminava dal numero dei filosofi , [17] ostinatamente e consapevolmente ignorando la verità moderna per non dover rompere col passato . [18] La più o meno stessa condanna per nostalgia peripatetica si trova anche da parte di Max Frischeisen-Köhler , [19] Erminio Troilo , [20] Eugenio Garin , [21] Cléobule Tsourkas , [22] Maria Assunta Del Torre , [23] Serenella Bencini , [24] Marialaura Soppelsa , [25] Enrico Berti , [26] Charles B. Schmitt , [27] Michele Schiavone , [28] Francesco Corvino , [29] Tadeusz Blocian , [30] Eckhard Keßler , [31] Ugo Montanari , [32] Domenico Bosco [33] - e questo elenco di studiosi poco entusiastici del "filosofo" Cremonini, studiosi pubblicati fra gli anni sessanta del secolo scorso e gli anni novanta del nostro secolo, certamente non è completo. Io qui non darò un elenco completo, né darò citazioni verbali dai relativi brani delle persone citate [34] - poiché non desidero parere ancor più noioso del "filosofo" noioso kat' exochän, più noioso di Cremonini stesso. Citerò invece le parole di Bertolt Brecht, di un autore certamente meno noioso sia di me sia di Cesare Cremonini, parole di un lavoro teatrale nel quale troviamo il nostro Cesare Cremonini nella maschera del cieco veramente sul teatro, sul teatro nella maschera del "Filosofo ": [35]

"

IL FILOSOFO: Ci dia ragioni, Signor' Galilei, ragioni!
GALILEI: Le ragioni? Ragioni in un caso dove basta una occhiata sulle stelle e le mie notizie per mostrare il fenomeno?
<...>
IL FILOSOFO (grande!): Se intende trascinare nella merda Aristotele, Aristotele: una autorità rispettata non solo da tutti i filosofi antichi ma anche dagli eccelsi padri della chiesa: allora mi pare inutile continuare la discussione. Sono contrario alle discussioni senza fondamento reale. Basta.
GALILEI: La verità è la figlia del tempo, non dell'autorità . [36]

"

Ho chiamato un filosofo scomodo il Cremonini. Ma: a prima vista questo Cremonini nella maschera del cieco pare di essere un filosofo molto comodo: utile quantunque si cerca un esempio per illustrare un modo di non filosofare, ma del resto: un filosofo certamente non inquietante.

Sarebbe così se il concetto che ha nei confronti del Cremonini il Gualdo, se questo concetto poi ripreso da tanti autori più tardi, se questa posizione fosse stata anche presa da quasi tutti, o almeno dalla maggioranza, o almeno da una significativa minoranza dei contemporanei del Gualdo e del Cremonini. Ma non è così. Invece: Tanto denaro , [37] tanta lode : [38] Già otto anni dopo la sua venuta a Padova, ed ancora come ordinarius secundo loco è stimato come il più eccelso dei filosofi padovani , [39] e di espressioni di grande stima ce ne sono tantissimi anche dopo: l'entusiasmo del Naudé , [40] la lode del Cremonini come "hac ætate philosophorum princeps ", [41] "Genius philosophiæ ", [42] con un giudizio che era "divinum in asserenda veritate ", [43] il più grande dei filosofi peripatetici latini. [44] Lodavano il Cremonini come stragrande filosofo anche il Tomasini , [45] Troilo Lancetta , [46] Giulio Ronconio, [47] Giovanni Imperiale, [48] Lorenzo Crasso , [49] ma anche - e certamente senza avere potuto incontrarlui personalmente - Paul Freher , [50] Daniel Morhof, [51] Giovanni Maria Crescimbeni , [52] Ferrante Borsetti , [53] Jakob Brucker , [54] Luigi Ughi [55] . Sarebbe forse possibile, che il giudizio degli autori che erano ancora in contatto personale col Cremonini era stato mitigato e addolcito dal suo carisma personale, ma anche se fosse così resterebbero troppi i giudizi positivi degli altri sul filosofo centese, giudizi per una certamente non esigua parte di autori viventi nei tempi delle filosofie postperipatetiche, delle filosofie moderne, giudizi positivi dalla seconda parte del Seicento, ma anche da ambedue metà del Settecento, e persino dall'inizio dell'Ottocento.

Situazione certamente non semplice da gestire. È difficile o impossibile assumere che hanno ragione ambedue le parti, quelli che dannano il Cremonini come non-filosofo e quelli che lo esultano come filosofo. Assumere due tipi di razionalità, una razionalità vigente nel 1611, quando scriveva il Gualdo poi inesistente (o almeno quasi invisibile ), [56] e ritrovata poi da Renan, una razionalità secondo la quale il Cremonini risulta come filosofo irrazionale, ed una altra razionalità, vigente dal 1612 per quasi due secoli, secondo la quale sarebbe lecito ignorare fatti empirici, secondo la quale non c'è verità fuori dai libri vecchi - questo non vale, è troppo contrario a troppe cose che sappiamo della continua storia della filosofia di tutti quei secoli.

Questo "Cremonini nella maschera del cieco" ci presenta un problema. Questo "problema Cremonini" ci costringe a riflettere su che cosa sia stata e che cosa sia la razionalità filosofica, razionalità filosofica nel passato ed oggi. Ci costringe a chiederci su quali ragioni siano stati fondati nel passato e sono stati fondati oggi i giudizi sul valore o meno di un filosofo, sul valore o meno di una filosofia. Ci induce a chiederci se ci sia o no un mondo comune a tutte le filosofie o se ci siano plurimi mondi filosofici, ben separati fra essi, così lontani fra essi da non poterci esse alcuna comunicazione filosofica. E, se fosse così: è licita o no, è forse persino necessaria o no la conclusione, che ci dobbiamo chiedere se sia necessario rispondere a tale situazione con l'abbandonare non solo l'unità delle razionalità filosofiche, ma anche l'unità della storia delle razionalità filosofiche?

Questo "Cremonini nella maschera del cieco", figura sul teatro filosofico per più di tre secoli e mezzo: un filosofo molto scomodo: lo è certamente.

Lo lascerò così; continuerò col Cremonini in un'altra delle sue maschere:

_

Maschera seconda: La maschera del Libertino ossia Ateo


Le difficoltà che aveva il Cremonini con l'inquisizione , [57] i dubbi che avevano alcuni dei suoi contemporanei dalla sua fede personale, ed i problemi che ne risultavano per il Cremonini, sono ben conosciuti, e la nostra conoscenza ne è cresciuta non poco per le recenti contribuzioni di Antonino Poppi su questo argomento [58] e il lavoro di Maurizio Sangalli illustra aspetti molto interessanti della contoroversia con i gesuiti che probabilmente e da considerare una delle cause di queste vicende . [59]

Per lungo tempo la grande maggioranza di coloro che scrivevano sul Cremonini erano dell'opinione che egli abbia creduto che l'anima personale degli uomini fosse mortale, che non esiste una immortalità personale umana . [60] Ho l'impressione, che dopo le pagine di Kennedy [61] e di Kuhn , [62] autori che ambedue argomentavano - anche se con argomenti diversi - che il Cremonini credeva, sì, nell'immortalità personale, mi sembra, che questa disputa resta chiusa (almeno per il momento), e che l'interesse per l'ortodossia o eterodossia personale del Cremonini sia svanito. E non mi spiace, poiché essere giudice sulla fede dei morti a mia vista non fa parte degli doveri degli storici. Tutt'altra cosa sono gli investigazioni delle cause della fama del Cremonini come filosofo eterodosso e dei effetti di questa fama.

Ma: questo interesse nell'ortodossia o eterodossia del Cremonini c'era. E c'erano ragioni per questo interesse. Le ragioni per l'interesse di Renan [63] ed i suoi seguaci non sono troppi scuri: Poter presentare un altro esempio storico per una filosofia ed una scienza che sono fuori dal contesto religioso, per una filosofia "laica" ed una scienza "laica". Visto così si tratta di un fenomeno nel contesto delle dispute fra cultura laica e cultura cattolica nell'Ottocento e nel Novecento. Vista così la questione pare superata, e di interesse solo per quelli che si occupano della storia intellettuale del secolo scorso e del nostro. Ma: anche per coloro fra noi che hanno interessi soltanto nel Cinquecento e nel Seicento, questa disputa sul luogo celeste o infernale del anima del Cremonini può servire come esempio che la posizione propria che abbiamo nelle dispute del nostro proprio tempo può influire non solo sulla nostra scelta dei soggetti, autori, e testi cinquecenteschi e seicenteschi studiati da noi, ma può anche influire sui nostri modi di studiare quei testi. E visto così, il Cremonini nella maschera del libertino ossia ateo è un esempio scomodo.

Ed inoltre ci sono quelli autori che si occupavano della ortodossia o eterodossia del Cremonini prima di Renan. Meritano essere studiati anche loro. Ed almeno io resto spesso perplesso quando sono confrontato coi loro testi. Ho l'impressione, che non sappiamo ancora abbastanza del "libertinismo filosofico" del Seicento e Settecento per capire veramente l'influsso di questa corrente intellettuale sui studiosi della storia della filosofia che scrivevano in quel periodo, e questo, mi pare, vale sia per i "vecchi" storici cattolici sia per i protestanti, sia per gli "atei". Mi sembra che l'esempio del trattamento del Cremonini da questi autori ci mostra che non sappiamo ancora abbastanza sui nostri primi predecessori come studiosi del Cremonini . [64] Almeno per me il Cremonini anche qui serve come filosofo scomodo. Ed anche il contribuito Françoise Charles-Daubert su "Cremonini e il libertinismo francese nel secolo XVII-XVIII" in questo volume qui mostra che la situazione è abbastanza complessa, e che Cremonini non è un "normale libertino dei libertini francesi".

Ma c'è ancora di più in questo contesto del Cremonini eterodosso o ortodosso: Se hanno ragione coloro che credono nell'ortodossia del Cremonini, invece del "Cremonini nella maschera del libertino ossia ateo" abbiamo "il Cremonini nella maschera del buon cristiano". E questo "Cremonini nella maschera del buon cristiano" ci pone nuovi problemi: Un Cremonini ortodosso ci costringe a riflettere sul "status" della sua filosofia: una filosofia propugnata da lui con molta forza, che era allo stesso tempo una filosofia della quale era convinto che era - almeno parzialmente - falsa . [65] Ci costringe a chiederci se dobbiamo interpretare questo aristotelismo forte e quasi monumentale come esempio di una filosofia eclettica , [66] e se dobbiamo vedere emergere la scuola filosofica degli eclettici molto prima che lo facciamo di solito. Un Cremonini eclettico ci costringerebbe ad accettare la possibilità dell'esistenza di una filosofia eclettica sistematica o filosofia sistematica eclettica, e così ci incita a nuove riflessioni su che cosa sia stato l'eclettismo filosofico. E perciò anche in questa sua maschera il Cremonini rimane un filosofo scomodo.

E penso, che lo rimane anche nella sua prossima maschera.

_

Maschera terza: La maschera del Rigorista razionale


La forte razionalità che si trova nella filosofia del Cremonini è stata affermata per quanto mi sia noto per la prima volta - e con argomenti molto validi - da Carlo Giacon , [67] io ho provato da riaffermare questa forte razionalità nel mio libro sul Cremonini stampato nel 1996 [68] - e le reazioni sono state da molto più favorevoli di quel che speravo e di quel che mi aspettavo . [69] Sono persino stato invitato al convegno del quale si leggono qui le atti ... .

Anche questo "Cremonini nella maschera del rigorista razionale" è un filosofo scomodo non da poco: Se il rifiutarsi del sincronizzarsi con la scienza contemporanea, se l'attacco contro tutte o quasi tutte le tesi che hanno una data dopo la morte di Aristotele, se per esempio il respingere non solo l'ipotesi copernicana ma anche quella tolemaica, se tutto questo risulta dall'insistere sulla necessità di un certo (ed a prima vista non esagerato) livello di razionalità: se questo è vero, dobbiamo farci domande sul valore della razionalità ed anche sulla consistenza o no fra razionalità e la possibilità di un progresso scientifico. O ci convertiamo tutti in Feyerabendiani convinti, oppure cerchiamo altre soluzioni. Penso, che una delle soluzioni non feyerabendiani è lo studio dei plurimi livelli di esigenza di certezza e di esigenza di razionalità che esistevano nelle filosofie del tardo rinascimento . [70] A mio avviso è una strada percorribile, però è anche una strada a pagamento: se la prendiamo dobbiamo probabilmente accettare una pluralità di razionalità , [71] ed inoltre probabilmente dobbiamo renderci conto, che magari la scelta della più rigorosa razionalità qualche volta non è la scelta migliore. E questo forse non resterà senza ripercussioni per i nostri concetti di razionalità in genere.

Dunque: anche questo "Cremonini nella maschera del rigorista razionale" ha aspetti di un filosofo scomodo.

E, poi, vale forse la pena di ripetere, che - nonostante la sua forte e rigorosa razionalità - il Cremonini stesso era dell'opinione, che la sua filosofia anche nelle parti dove non era contraria alle verità cristiane era una filosofia senza garanzia di verità: la sua filosofia è lontana dal finzionalismo di un certo tipo di astronomi, ma nonostante questo lui la vede soltanto come una di plurime filosofie possibili - anche se la vede come la sola filosofia possibile conosciuta da lui . [72] Il Cremonini è rigorista razionale, ma è anche, e allo stesso tempo, filosofo scettico. Ci da così un esempio per un tipo di scetticismo che ha poco in comune con lo scetticismo nella tradizione sia di Sextus Empiricus sia di Cicerone. Ci mostra che era possibile nel tardo rinascimento essere peripatetico convinto e scettico allo stesso tempo. E cosi ci da (di nuovo) occasione di riflettere sulle pericoli di miopia intellettuale che incontriamo quando studiamo filosofi del rinascimento soltanto come filosofi appartenenti a una sola delle correnti filosofiche che c'erano in quei tempi - miopia intellettuale della quale sono stato afflitto, l'ammetto, anch'io . [73] E cosi almeno per me il Cremonini anche sotto questo aspetto è stato un filosofo scomodo.

Le maschere del Cremonini sulle quali ho parlato finora erano tre maschere diverse, ma non erano senza rassomiglianza fra loro: erano tutti maschere di un filosofo peripatetico. Questo invece non vale per la prossima maschera della quale parlerò.

_

Maschera quarta: La maschera a più volti: del Letterato, dell'Oratore, del Professore, del Filosofo non limitato dal aristotelismo


Il Cremonini era un filosofo peripatetico, ed è probabilmente fra tutti i filosofi peripatetici il filosofo più volte accusato di peripateticismo esagerato . [74] Ma era non solo un filosofo peripatetico.

Era anche un letterato, e da qualche tempo è anche stato studiato come letterato. Negli atti del Convegno centese del 1984 troviamo il saggio di Ugo Montanari sul"L'opera letteraria di Cesare Cremonini" coll'edizione delle "Nubi " [75] ed estratti da altre opere liriche del Cremonini. Dobbiamo a Lina Bolzoni lo studio della controversia ferrarese tra Patrizi e Cremonini sulla teoria della poetica . [76] Non sono finora riuscito a vedere i saggi di Bergonzi su Cesare Cremonini come letterato, ma secondo le bibliografie esistono . [77] Ed abbiamo in questo volume il testo di Antonio Daniele sulla disputa tra Alessandro Tassoni, Cesare Cremonini e Giuseppe degli Aromatari. Fioriscono ovviamente non solo gli studi sul Cremonini filosofo ma anche gli studi sul Cremonini poeta. Come studioso della storia della filosofia mi mancano tutti i reflessi dello studioso della storia della letteratura, ma è ovvio che anche gli studiosi del Cremonini filosofo non possono ignorare il Cremonini letterato. Verità poetiche ovviamente non sono trattabili allo stesso modo come le verità filosofiche, ma quando un autore è ambedue le cose: autore di opere letterarie ed autore di opere propriamente filosofiche, ci dobbiamo chiedere sul nesso fra ambedue corpi di produzione e fra ambedue tipi di verità. Il Cremonini letterato fa più complicato lo studio del Cremonini filosofo, aggiunge una dimensione in più, costringe noi storici della filosofia che ci occupiamo di lui di lavorare con un genere di testi col quale di solito non lavoriamo (almeno non noi in Germania), quindi ci rende di nuovo scomodo il Cremonini.

Il Cremonini letterato aggiunge complessità al Cremonini filosofo. Lo stesso vale per il Cremonini oratore : [78] oratore filosofico, rappresentante in politica universitaria, oratore politico per la sua città di nascita, ... . Il Cremonini oratore è tutt'altro che un "normale" commentatore di Aristotele.

Gran parte delle sue orazioni le ha tenuto come rappresentante dello Studio di Padova, come professore. Ed abbiamo anche tante altre tracce di questo Cremonini professore, e studiando il Cremonini professore abbiamo occasione di studiare il contesto universitario reale del Cremonini filosofo a Padova: il Cremonini professore è molto più di un commentatore di Aristotele; lo studio del Cremonini professore ci rende visibile e vivo un personaggio reale, complesso, e ci rende vivo il contesto che dobbiamo conoscere se vogliamo capire le sue opere filosofiche. Lucia Rossetti nel suo contribuito al presente volume si occupa di "Cremonini e la 'Natio Germanica'", e Giuseppe Ongaro, anche in questo volume qui ci da un ampio trattamento del"la controversia tra Pompeo Caimo e Cesare Cremonini sul calore innato" e delle basi di questa controversia. Il Cremonini professore ci da un esempio che qualche volta non basta leggere opere filosofiche per capire un autore filosofico: Ed anche così il Cremonini è un filosofo scomodo.

Ma anche se leggiamo soltanto le sue opere filosofiche, dobbiamo renderci conto, che si tratta non solo di opere di filosofia semplicemente peripatetica. La ricchezza del "Tractatus de pædia", di questo testo che va oltre lo solito cerchio aristotelico è stata studiata più volte [79] ; Gentile ha usato il "Lecturæ exordium" per interpretare Cremonini come precursore di Vico , [80] Luigi Olivieri ha insistito con ragione sulla complessità della Prolusione cremoniniana del 1591 , [81] ed adesso abbiamo la lettura a fondo che Antonino Poppi ci ha dato di questa orazione ; [82] il testo di Giulio F. Pagallo in questo volume ci mostra l'unità di tutte le opere contenute nella stampe cremoniniana del 1596 : [83] è ovvio: Cremonini era un aristotelico, ma non era un aristotelico unidimensionale. Abbiamo incontrato di nuovo un Cremonini filosofo complesso e perciò di nuovo non comodo.

_

Tante maschere: a la ricerca di un volto complesso?: Il Cremonini scomodo come soggetto ideale per studî su tanti aspetti della cultura intellettuale del tardo rinascimento


Ho trattato di un Cremonini a tante maschere, e di un Cremonini in tante maschere spesso scomodo per coloro chi si occupano di lui. C'era:

Il Cremonini nella maschera del cieco: un Cremonini che ci forza a riflettere sul unità o non-unità della filosofia e della razionalità e sulla possibilità o meno dell'unità della storia delle razionalità filosofiche.

Il Cremonini nella maschera del libertino ossia ateo ed e o nella maschera del buon cristiano: un Cremonini che ci induce a riflettere sulla misura nella quale sono prefigurati i nostri studi sul passato dalla nostra posizione in dibattiti a noi contemporanei; inoltre un Cremonini che ci mostra che forse non capiamo ancora abbastanza i "vecchi" studiosi del pensiero del Cremonini; ed inoltre un Cremonini che ci invita a provare se ci serve un concetto di filosofia eclettica che è più ampio del solito concetto che si ha di questa corrente filosofica.

Il Cremonini nella maschera del rigorista razionale: un Cremonini che ci costringe a riflettere di nuovo, sulla pluralità delle razionalità e di studiare le teorie rinascimentali dei vari livelli di certezza e razionalità; inoltre un Cremonini che ci induce ad accettare che un filosofo rinascimentale può appartenere a plurimi correnti filosofiche allo stesso tempo.

Il Cremonini nella maschera a più volti: un letterato che invita gli studiosi della storia della filosofia a leggere testi lirici e drammatici, e che invita gli studiosi della letteratura a leggere testi filosofici; un oratore che ci mostra un autore che agiva anche lontano dalla sua scrivania e fuori delle aule universitarie; un professore, che ci induce a studiare il contesto reale di un filosofo universitario; un filosofo non limitato dall'aristotelismo, che pare consigliarci di non limitarci nello studio della filosofia di un peripatetico allo studio di testi puramente peripatetici.

Tutto questo fa di Cremonini un personaggio complesso. Ma a mio avviso significa anche, che il Cremonini è un soggetto ideale per studî su tanti aspetti della cultura intellettuale del tardo rinascimento; a mio avviso lui - che nel passato appariva a tanti come autore molto noioso - specialmente per tutte sue scomodità è uno dei più interessanti autori che si possano studiare.

All'inizio di questo breve saggio ho promesso di non dire niente di nuovo. Ed ho parlato soltanto di studi già conosciuti sul Cremonini. Ma sappiamo del Galilei parlando delle lettere dell'alfabeto, che si possono fare cose diverse, e qualche volta persino cose interessanti, ricombinando cose già conosciute. E spero di avere mostrato - anche se forse con un saggio noioso: il Cremonini non è un filosofo noioso . [84]



Opere citate

ANONIMO (ed.): Carmina Illustrium Poetarum Italorum. Tomus Octavus. Firenze 1721

BENCINI, S.: La lettera del Cremonini e le Apologie inedite dei Gesuiti intorno alla Controversia del 1591. (Tiposcritto [Archivio Uuniversitario Padova]), Padova 1971

BERTI, E.: Galileo e l' aristotelismo patavino del suo tempo. in: Nonis 1983a, 39sqq

BLOCIAN, T.: Poznorenesansowy arystotelizm wloski. Cesare Cremonini (1550-163) jako przdstawiciel heterodoksyjnego arystotelizmu padewskiego. Wroclaw 1984

BOLZONI, L.: La poesia e le "imagini de' sognanti". (Una risposta inedita del Patrizi al Cremonini. in: Rinascimento s. 2, 19 (1979), 171-187 BORSETTI, F.: Historia Alimi Ferrariæ Gymnasii In duas Partes divisa <...> Pars Secunda. Ferrara 1735, [BSB: 4º H. lit. P32(2] BOSCO, D.: Cesare Cremonini e le origini del liberinismo. in: Centro Studi "Girolamo Baruffaldi", 1990, 249-289

BRUCKER, I.: Historia Critica Philosophiæ A Tempore Resuscitarum In occidente Literarum Ad Nostra Tempora. Bd. 4/1, Leipzig 1743, [BSB: 4º Ph. U. 12(4]

-,-: Erste Anfangsgründe der Philosophischen Geschichte, Als ein Auszug seiner grössern [!] wercke [!] herausgegeben von Jakob Brucker. zweyte Ausgabe . [85] Ulm 1751, [BSB: 8º Ph. U. 64]

CANTù, C.: Gli eretici d'italia. Discorsi storici. 3 Vol.i, Torino 1865, 1866a, 1866b

CENTRO STUDI "GIROLAMO BARUFFALDI" (ed.): Cesare Cremonini (1550-1631). - Il suo pensiero e il suo tempo. Convegno di studi, Cento, 7 aprile 1984. Cento 1990

CORVINO, F.: L' evoluzione dell' aristotelismo nel passaggio dal Medioevo al Rinascimento. in: Olivieri, 1983b, 545sqq.

CRASSO, L.: Elogii Degli Huomini Letterati. Bd. 2, Venezia [Combi & LaNoù] 1666

CREMONINI, C.: Explanatio proœmii librorum Aristotelis de physico auditu cum Introductione ad naturalem Aristotelis philosophia, continente Tractatum de Pædia, descriptionemque universæ naturalis Aristotelis philosophiæ. Qubus adiuncta est Præfatio in libros de Physico Auditu. Padua 1596, [BL: C.64.f.7]

-,-: Apologia dictorum Aristotelis de origine et principatu mebrorum adversus Galenum. Venezia 1627, [BL: 4º C.74.d.7; BNM: 212.D.43, BN Firenze B.R. 133 ] [86]

-,-: De calido innato et semine. Lugd. Batav. (Elzevir) 1634, [BSB: 8º Anat. 123]

-,-: Le orazioni (ed. A. Poppi), Padova 1998.

CRESCIMBENI, G. M.: Dell' istoria della Volgar Poesia. Vol. 5, Venezia 1730

DEL TORRE, M. A.: Studi su Cesare Cremonini. Cosmologia e Logica nel tardo Aristotelismo Padovano. Padua 1968

-,-: Logica ed esperienza nel trattato "De Paedia" (1596) di Cesare Cremonini. in: Olivieri, 1983b, 637sqq

FIORENTINO, F.: Pietro Pomponazzi. Studi storici su la scuola Bolognese e Padovana del secolo XVI con molti documenti inediti. Firenze 1868

FIORENTINO, Fernando: Cesare Cremonini e il Tractatus de paedia. - con la traduzione italiana del Tractatus ", Lecce [Edizioni Milella] 1997 (Università degli studi di Lecce / Collana del dipartimento di filosofia. Sezione Saggi ; 8))

FREEDMAN, J. S.: [Ricensione di Kuhn, 1996] in: Sixteenth Century Journal 18 (1997), 599-601

FREHER, P.: Theatrum virorum eruditione clarorum. Norimberga 1688

FRISCHEISEN-K&OUML;HLER, M. & W. Moog: Die Philosophie der Neuzeit bis zum Ende des XVIII. Jahrhunderts. [=Ueberwegs Grundriss der Geschichte der Philosophie. Dritter Teil]. Berlin 1924

GALILEI, G.: Le opere [Edizione nazionale ]. [87] 20 Vol.i. Firenze 1968a-t, (Vol. 20 contiene l'indice)

GARIN, E.: La filosofia come sapere storico. Con un saggio autobiografico. Roma 1990

GENTILE, G.: Il pensiero italiano del rinascimento (= Opere complete 14), Firenze 1968

GIACON, C.: Cesare Cremonini, Filosofo peripatetico dello studio di Padova nel quarto centenario della nascita (1550-1950): Estratto dall' Annuario della Università di Padova per l' anno accademico 1949-50. Padova 1950

KENNEDY, L. A.: Cesare Cremonini and the Immortality of the Human Soul. in: Vivarium 18,2 (1980), 143-158

KESSLER, E.: Oblici transformacije aristotelizma u renesansi. in: Zenko, 1989, 5sqq.

KUHN, H. C.: Galileo Galilei come lettore di Cesare Cremonini. Venezia 1993 [uscito 1994]

-,-: Venetischer Aristotelismus im Ende der aristotelischen Welt. Aspekte der Welt und des Denkens des Cesare Cremonini (1550-1631), Frankfurt a. M. 1996

-,-: Non-regressive methods in 16th century aristotelian texts. in: Daniel A. DiLiscia, Eckhard Keßler & Charlotte Methuen (edd.): "Method and order in Renaissance philosophy of nature. - The Aristotle commentary tradition", Aldershot 1997, 319-336

MABILLEAU, L.: Étude historique sur la Philosophie de la Renaissance en Italie (Cesare Cremonini). Paris 1881

MONTANARI, U.: L'Opera letteraria di Cesare Cremonini in: Centro Studi "Girolamo Baruffaldi", 1990, 125-247

MORHOF, D. G.: Polyhistoris Tomus II. s.l. s.a. (secondo l'AK della Bayerische Staatsbibliothek: Lübeck 1692!), [BSB: 4º Enc. 22m(2]

MULSOW, M.: Eclecticism or Skepticism? A problem of the early enlightenment. in: Journal of the History of Ideas 58 (1997), 465-477.

NAUD&EACUTE;, G.: Epistolæ. Ginevra [Sumptibus Ioh. Hermanni Widerhold] 1667, [BNM: 65. D. 206]

NONIS, P. (ed.): Galileo Galilei e Padova. Libertà di indagine e principio di autorità (= studia patavina 29 (1982)) Padova 1983a [!]

-,-: Libertà di indagine e principio di autorità - A proposito del caso Galilei [=Nonis 1983b]. in: Nonis 1983a, 9sqq

OLIVIERI, L. (ed.): Aristotelismo Veneto e scienza moderna. 2 Bde. Padua 1983a, b

-,-: Certezza e gerarchia del sapere. Crisi dell idea di scientificà nell' Aristotelismo del secolo XVI. Con un' appendice di testi inediti di Pomponazzi, Pendasio, Cremonini. Padova 1983 [=Olivieri, 1983d]

PAPADOPOLO, N. C.: Historia Gymnasii Patavini. Vol. 1. Venezia 1726

PELLIZZARI, G.: Cesare Cremonini e Giorgio Raguseo. in: Atti e memorie dell'Accademia Patavina di Scienze Lettere ed Arti : Anno Accademico 1997-98 : Memorie della Classe di scienze morali lettere ed arti, Padova 1998, 17-32 POPPI, A.: Cremonini e Galilei inquisti a Padova nel 1604. Nuovi documenti d' archivio. Padova 1992

-,-: Cremonini, Galilei e gli inquisitori del Santo a Padova. Padova 1993

-,-: [Ricensione di Kuhn, 1996] in: Isis 88 (1997), 538-539

-,-: [Ricensione di Kuhn, 1996] in: Rivista di storia della Chiesa in Italia 52 (1998), 209-211

-,-: La conoscenza si sé come fondamento del filosofare nella prolusione academica di Cesare Cremonini (Padova, 27 gennaio 1591). in: Paul Richard Blum (ed.), Constance Blackwell & Charles Lohr (coedd.): "Sapientiam amemus. Humanismus und Aristotelismus in der Renaissance. Festschrift für Eckhard Keßler zum 60. Geburtstag", München 1999, pp. 181-190.

RENAN, E.: Averroès et l' Averroisme. Paris 1866

RICCOBONI, A.: De gymnasio Patavino commentariorum libri sex. Padova 1598

SANGALLI, M.: Apologie dei Padiri Gesuiti contro Cesare Cremonini, 1592. in: Atti e memorie dell'Accademia Patavina di Scienze Lettere ed Arti : Anno Accademico 1997-98 : Memorie della Classe di scienze morali lettere ed arti, Padova 1998, 241-355

SCHIAPARELLI, G.: Le sfere omocentiche di Eudosso, di Calippo e di Aristotele. in: Schiaparelli, G.: Scritti sulla storia della astronomia antica. Vol. 2. Bologna 1925, 3-112

SCHIAVONE, M.: <Lemma> Cremonini. in: Enciclopedia Filosofica 2. Florenz 1982, 605-608

SCHMITT, CH.B.: Cesare Cremonini un Aristotelico al tempo di Galilei. (= Centro tedesco di studi veneziani; Quaderni 16). Venedig 1980

-,-: L' aristotelismo nel Veneto e le origini della schienza moderna: alcune considerazioni sul problema della continuità. in: Olivieri, 1983a, 79sqq

SOPPELSA, M. L.: Genesi del metodo galileiano e tramonto dell' aristotelismo nella scuola di Padova. Padova 1974

TOMASINI, I. P.: Bibliothecæ Patavinæ manuscriptæ publicæ et privatæ, Quibus diversi Scriptores hactenus incogniti recensantur ac illustrantur. Udine 1639

-,-: Gymnasium Patavinum. Udine 1654

TROILO, E.: Averroismo e Aristotelismo Padovano. Padova 1939

TSOURKAS, C.: Les débuts de l' enseignement philosophique et de la libre pensée dans les Balkans. La vie et l' œuvre d Théophile Corydalée (1570-1646). Thessalonike 1967

ZENKO, F. (ed.): Transformacije aristotelizma i nijegove tradicije na putu u novi vijek [= Godi`´snjak za povijest filosofije 5 (1987)] Zagreb 1989 [!]



Note


[1] Il materiale usato per questa relazione è in gran parte lo stesso usato in Kuhn, 1996, 10sqq et passim. L' uso invece che faccio di questo materiale differisce dall'uso che ne feci in Kuhn, 1996.
[---> Parte annotata del testo]


[2] Il saggio qui presentato dunque non è da confondere con una bibliografia raggionata della letteratura essistente sul Cremonini. E la letteratura sul Cremonini usata per questo saggio non è tutta la letteratura sul Cremonini. Probabilmente oggi sarebbe ancora troppo presto per uno studio bibliometrico di questa letteratura, ma doppo la pubblicazione degli atti del convegno del febbraio 1999, facendo (fra altro) uso delle bibliografie dei contribuiti publicati in questi atti, ed aspettando ancora un po per gli impulsi che avrà la publicazione di questi atti su ulteriori studi cremoniniani, uno studio bibliometrico potrebbe rilevare interessanti cambiamenti in questo campo - che pare sia uno dei campi più vivi fra i campi dove crescono studi su singoli filosofi unversitarii del rinascimento.
[---> Parte annotata del testo]


[3] Galilei, EN XI, 165.
[---> Parte annotata del testo]


[4] Abbastanza scherzoso il Gualdo: Si tratta di astronomia; la "trepidatio" delle stelle fisse è uno di qui moti che sono stati "salvati" dagli astronomi fino a Nicolaus Copernicus (cf. Schiaparelli, 1925, 38); che la "trepidatio" delle stelle fisse era tanto inesistente quanto la trepidazione del Galilei per paura del Cremonini probabilmente era ignoto al Gualdo.
[---> Parte annotata del testo]


[5] Si tratta della Disputatio de cœlo.
[---> Parte annotata del testo]


[6] La sottolineazione si trova nell'edizione citata.
[---> Parte annotata del testo]


[7] Prima di Renan, l'opinione di N. C. Papadopolo (Papadopolo, 1726, 360) che la grande fama del Cremonini come filosofo grande fosse da attribuire soltanto alle "obsoleta maiorum opinio" per quanto io ne sappia era rimasta sola e senza alcun eco.
[---> Parte annotata del testo]


[8] Renan, 1866, 410
[---> Parte annotata del testo]


[9] Renan, 1866, 415
[---> Parte annotata del testo]


[10] Renan, 1866, 415
[---> Parte annotata del testo]


[11] Renan, 1866, 322 - veniente dalla penna del Renan certamente non è un lode.
[---> Parte annotata del testo]


[12] Renan, 1866, 16*: il titolo del capitolo sull'era cremoniniana è "Ruine du péripatetisme en Italie".
[---> Parte annotata del testo]


[13] Cantù, 1866b, 145-148
[---> Parte annotata del testo]


[14] Fiorentino, 1868, 332
[---> Parte annotata del testo]


[15] Mabilleau, 1881, 9
[---> Parte annotata del testo]


[16] Mabilleau, 1881, 120s
[---> Parte annotata del testo]


[17] Mabilleau, 1881, 128
[---> Parte annotata del testo]


[18] Mabilleau, 1881, 224: "Cremonini, n' ayant pas le courage de rompre avec ce qui désormais était le passé, prit le bon parti: il s' obstina à ignorer le présent. Quand on craint d' être aveuglé par le soleil, il faut s' en détourner et fermer les yeux."
[---> Parte annotata del testo]


[19] Frischeisen-Köhler, 1924, 23
[---> Parte annotata del testo]


[20] Troilo, 1939, 68n45
[---> Parte annotata del testo]


[21] Garin, 1990 (ed. pr. 1947), 165
[---> Parte annotata del testo]


[22] Tsourkas, 1967 (ed. pr. 1948), 192; 194.
[---> Parte annotata del testo]


[23] Del Torre, 1968, 19; 53.
[---> Parte annotata del testo]


[24] Bencini, 1971.
[---> Parte annotata del testo]


[25] Soppelsa, 1974, 50
[---> Parte annotata del testo]


[26] Berti, 1983, 48
[---> Parte annotata del testo]


[27] Schmitt, 1980, 6; 17 e Schmitt, 1983, 121
[---> Parte annotata del testo]


[28] Schiavone 1982, 607
[---> Parte annotata del testo]


[29] Corvino, 1983, 571
[---> Parte annotata del testo]


[30] Blocian, 1984, 98
[---> Parte annotata del testo]


[31] Keßler, 1989, 10 e Keßler, 1990, 141
[---> Parte annotata del testo]


[32] Montanari, 1990, 150
[---> Parte annotata del testo]


[33] Bosco, 1990, 267
[---> Parte annotata del testo]


[34] qualche citazione si trova in Kuhn, 1996, 12-14.
[---> Parte annotata del testo]


[35] "Vita di Galilei," Scena 4-a.
[---> Parte annotata del testo]


[36] DER PHILOSOPH Gründe, Herr Galilei, Gründe!
GALILEI Die Gründe? Wenn ein Blick auf die Gestirne selber und meine Notie-rungen das Phänomen zeigen?
<...>
DER PHILOSOPH groß: Wenn hier Aristoteles in den Kot gezogen werden soll, eine Autorität, welche nicht nur die gesamte Wissenschaft der Antike, sondern auch die hohen Kirchenväter selber anerkannten, so scheint jedenfalls mir eine Fort-setzung der Diskussion überflüssig. Unsachliche Diskussionen lehne ich ab. Basta.
GALILEI Die Wahrheit ist das Kind der Zeit, nicht der Autorität.

[---> Parte annotata del testo]


[37] cf. Kuhn, 1996, 108 sqq.
[---> Parte annotata del testo]


[38] L'elenco dato qui non è completo: qualche altri tifosi del Cremonini sono menzionati in Kuhn, 1996, 17-24, ed anche l'elenco dato qua molto probabilmente non è completo.
[---> Parte annotata del testo]


[39] Riccoboni, 1598, 193v
[---> Parte annotata del testo]


[40] Naudé, 1667, 27sqq; 46s; 60s; 102sqq.
[---> Parte annotata del testo]


[41] Naudé, 1667, 94.
[---> Parte annotata del testo]


[42] Naudé, 1667, 97.
[---> Parte annotata del testo]


[43] Naudé, 1667, 105s.
[---> Parte annotata del testo]


[44] Naudé, 1667, 27sqq; 46s; 60s; 102sqq.
[---> Parte annotata del testo]


[45] Tomasini, 1639, 339 & Tomasini, 1654, 307; 448.
[---> Parte annotata del testo]


[46] Con una dedicazione straordinaria al Cremonini e la sua memoria: cf. Kuhn, 1996, 20s.
[---> Parte annotata del testo]


[47] Anonymus, 1721, 85s.
[---> Parte annotata del testo]


[48] Imperiale, 1640, 173.
[---> Parte annotata del testo]


[49] Lorenzo Crasso: Elogii degli huomini letterati, Vol. 2, 1666, (66): usabile in: ABI [Fiche] 331, [imagine] 198sqq. Nell'edizione originale (esemplare usato: BNM: 96.C.10) i brani sul Cremonini si trovano pp. 123-126.
[---> Parte annotata del testo]


[50] Freher, 1688, 1525a.
[---> Parte annotata del testo]


[51] Morhof, 1692, 62. Si tratta di un lode probabilmente non fondato su una conoscenza di testi del Cremonini (cf. Kuhn, 1996, 22n7).
[---> Parte annotata del testo]


[52] Crescimbeni, 1730, 128.
[---> Parte annotata del testo]


[53] Borsetti, 1735, 204.
[---> Parte annotata del testo]


[54] Brucker, 1751, 371 & Brucker, 1743, 226-229.
[---> Parte annotata del testo]


[55] Luigi Ughi: Dizionario storico degli uomini illustri ferraresi, Vol. 1, 1804 (285): non avendo sui mani l'originale ho usato ABI [Fiche] 331, [imagine] 203s.
[---> Parte annotata del testo]


[56] cf. sopra: la nota su Papadopolo, 1726, 360.
[---> Parte annotata del testo]


[57] Vedesi il contribuito di Leen Spruit in questo volume sulla continuità della "dedicazione" del Sant'Ufficio al Cremonini. Cf. etiam il contribuito di Elisabetta dalla Francesca sull'inquisizione come possibile commitente dei 22 volumi abbastanza speciali che possiede la Biblioteca Nazionale Marciana di manoscritti cremoniniani (mss. BNM Lat. cl. VI, cod. 176sqq.).
[---> Parte annotata del testo]


[58] Poppi 1992 e Poppi 1993
[---> Parte annotata del testo]


[59] Sangalli, 1998. cf. e.g. il parere di Paolo Comitoli che Cremonini "da tutto il cristiano mondo debba esser esterminato" (Sangalli, 1998, 284).
[---> Parte annotata del testo]


[60] Per una selezione vedesi Kennedy, 1980, 143-154.
[---> Parte annotata del testo]


[61] Kennedy, 1980
[---> Parte annotata del testo]


[62] Kuhn, 1996, 166-185.
[---> Parte annotata del testo]


[63] Renan, 1866, 415: "L' averroisme paduan, insignificant comme philosophie, acquit un véritable intérèt historique, quand on l' envisage comme ayant servi de prétexte à l' independance de la pensée." (la segnalazione con lettere forti è la mia).
[---> Parte annotata del testo]


[64] Vale dire, che la situazione sta miglorando. Abbiamo la "Storia delle storie generali della filosofia" a cura di Giovanni Santinello (e Francesco Bottin), Constance Blackwell sta aumentando le nostre conoscenze su Brucker, del lavoro che sta svolgendo Martin Mulsow mi aspetto molto aiuto nel capire meglio il "libertinismo erudito" ... .
[---> Parte annotata del testo]


[65] Cf. Kuhn, 1996, 182-184.
[---> Parte annotata del testo]


[66] Per rifelessioni molto interessanti sul ecletticismo filosofico nel Settecento cf. Mulsow, 1997.
[---> Parte annotata del testo]


[67] Giacon, 1950.
[---> Parte annotata del testo]


[68] Kuhn, 1996
[---> Parte annotata del testo]


[69] cf. Freedman 1997 e Poppi, 1997 e 1998. Ringrazio ambedue molto cordialmente!
[---> Parte annotata del testo]


[70] cf. Kuhn, 1997. In questo contesto è molto importante anche Olivieri, 1983d.
[---> Parte annotata del testo]


[71] Una pluralità di razionalità forse può esistere anche in uno stesso autore. Per il caso del Galilei cf. Kuhn, 1993. Fra altre cose questo saggio del 1993 prova di mostrare che se ci sia stata soltanto una razionalità nel Galilei, non era quella del precursore della fisica insegnata nelle nostre scuole, ma di un metafisico e filosofo naturale con abbastanza di fantasia.
Ovviamente questo mio capriccio ci informa del "Galilei come lettore del Cremonini" soltanto se le note marginali e le altre segnalazioni che si trovano nel testo di base (l'esemplare della Biblioteca Nazionale di Firenze, B.R. 133 di De origine et principatu membrorum (Cremonini, 1627)) sono veramente note marginali ed altre segnalazioni del Galilei. In aula di convegno Prof. Luigi Olivieri aveva (giustamente) osservato, che nel per il mio saggio io non avevo fatto una comparazione fra la mano del Galilei e la mano del annotatore di BNF B.R. 133, ma mi avevo completamente fidato dal' attribuzione al Galilei fatta da Paul Oskar Kristeller e Charles B. Schmitt. Il Prof. Olivieri in questa occasione ha dato espressione al parere, che la mia fiducia in Kristeller e Schmitt fosse in questo caso stato infondata, e che le note marginali e segnalazioni evidentemente non siano dalla mano de Galilei. Dopo essere ritornato a Monaco di Baviera ho fatto che probabilmente avrei dovuto fare già prima di incominciare il mio saggio: ho comparato la mano delle annotazioni con facsimili di manoscritti galileiani che sono facilmente trovabili. Ho usato il facsimile del "Abbozzo del Sidereus Nuncius" (Ed. naz. III/1, pp. 15sqq9) e il facsimile a colore ed alta risoluzione del famosissimo ms. 72 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze che si può usare via URL http://www.mpiwg-berlin.mpg.de/Galileo_Prototype/MAIN.HTM e URL http://galileo.imss.firenze.it/ms72/index.html . Devo confessare, che la mia fiducia nell'attribuzione delle annotazioni di B.R. 133 al Galilei da parte Kristeller e Schmitt non sarebbe stata diminuita se avrei fatto questa comparazione già prima di scrivere Kuhn, 1993. Per il momento no riesco ancora a convincermi che sia evidente che questa attribuzione sia sbagliata. Per i miei occhi (che ovviamente possono sbagliare - sono tutt'altro che un esperto per la mano del Galilei!) vicinissima la mano delle annotazioni alla mano del Galilei: darò qualche esempio: molto spesso si trova in B.R. 133 "Nota"; per "ota" cf. e.g. ms. 72, f. 186v, "tota", la "N" varia molto sia nella mano di B.R. 133 che nella mano di Galilei (cf. Ed. naz. III/1, p. 34 "Nebulosa" e ms. 72, f. 186v "Nota"): le forme dalla "N" mi paiono inconclusive, "ota" mi pare identico; per la "n" non vedo differenze fra le "n" di B.R. 133 e tante "n" scritte da Galilei; lo stesso vale per la "c", "d" (lettera molto variabile nella mano del Galilei), per almeno la stragrande parte dei "e", la "f", la "g", la "h", la "i", la "l"; la "o"; più grande mi pare la differenza fra una parte (una parte solo!) dei "p" di B.R. 133 e le "normale" "p" del Galilei, ma vedendo la varianza delle "p" che si trova in ms. 72, f. 174v, e le forme di queste "p", non mi pare che qua ci sia abbastanza evidenza per la non-attribuzione delle annotazioni di B.R. 133 al Galilei; fra le "q" di B.R. 133 e almeno parte delle "q" scritte dal Galilei non vedo differenze; lo stesso vale per la "r", la "s", la "t", la "u", la "A", la "C", la "G", la "H" (abbastanza variabile nella mano di Galilei), la "P", la "S", la "U" (cf. Ed. Naz. III/1, p. 27), lo stesso vale per il modo generale di congiungere le lettere; le "D" di B.R. 133 certamente non sono identiche a qualcuna delle "D", che conosco dalla mano di Galilei, ma forse (niente di più!) si potrebbero riguardare come varianti delle ultime "D" di Ed. Naz. III/1, p. 44 (per me, che non sono esperto per la mano di Galilei almeno non bastano come prova per una non-attribuzione elle annotazioni di B.R. 133 al Galilei). Considerando la tutt'altro che minimale rassomiglianza che esiste - almeno per i miei occhi inesperti - fra la mano delle annotazioni a B.R. 133 e la mano del Galilei, e considerando le corrispondenze dottrinali che al mio avviso esistono fra l'annotatore di B.R. 133 e Galilei, io resto perplesso, ma sono ottimista che Prof. Olivieri ci darà ben presto le sue ragioni per la sua non-attribuzione degli annotazioni a B.R. 133 al Galilei - per eliminare una volta per sempre lo spettro (per me oggi ancora esistente) di un Galilei annotatore del Cremonini.
[---> Parte annotata del testo]


[72] cf. Kuhn, 1996, 450-468.
[---> Parte annotata del testo]


[73] Ha per esempio ragione Luigi Olivieri nella sua critica del mio trattamento di Cremonini 1591 (cf. la sezione sul "lecturæ exordium" curata da Olivieri nel volume di edizioni delle orazioni cremoniniani curato da Antonino Poppi (Cemonini, 1998, 6)).
[---> Parte annotata del testo]


[74] Vedesi la parte sul Cremonini nella prima delle sue maschere.
[---> Parte annotata del testo]


[75] Montanari, 1990, 125-150-226-247. Sulla edizione delle "Nubi" cf. Pellizzari, 1998, 32.
[---> Parte annotata del testo]


[76] Bolzoni, 1979.
[---> Parte annotata del testo]


[77] Secondo Current contents : "Aevum-Rassegna di Scienze Storiche Linguistiche e Filologiche 68(3): 607-633, 1994 Sep-Dec." plus (secondo AHCI): "AEVUM-RASSEGNA DI SCIENZE STORICHE LINGUISTICHE E FILOLOGICHE 1993, Vol 67, Iss 3, pp 571-593 (ND967)"
[---> Parte annotata del testo]


[78] Vedesi il materiale raccolto in Cremonini, 1998.
[---> Parte annotata del testo]


[79] Del Torre, 1983 e adesso anche Fernando Fiorentino, 1997
[---> Parte annotata del testo]


[80] Gentile, 1968, 84. Sulle differenze fra Cremonini e Vico vedesi Poppi, 1999, spec. pp. 185, 189s.
[---> Parte annotata del testo]


[81] in Cremonini, 1998, 5-8.
[---> Parte annotata del testo]


[82] Poppi, 1999.
[---> Parte annotata del testo]


[83] Cremonini, 1596
[---> Parte annotata del testo]


[84] Ringrazio Rita Mascis per i suoi lavori per trasformare il mio testo originale in un testo piu rassomigliante a un testo italiano. Spero di non avere introdotto troppi sbagli nuovi nel corso della prerarazazione della versione per la stampa in questi atti.
[---> Parte annotata del testo]


[85] La prima edizione è del 1736.
[---> Parte annotata del testo]


[86] sul essemplare BNF B.R. 133 e l' attribuizione delle annotazioni di questo essemplare a una persona diversa dal o identica col Galilei cf. supra n. 71.
[---> Parte annotata del testo]


[87] Da questa edizione si cita con l'abbreviatura "EN", indicando poi il volume con ciffre romane e la pagina con ciffre arabi.
[---> Parte annotata del testo]



Ringrazio Rita Mascis per i suoi lavori per trasformare il mio testo originale in un testo piu rassomigliante a un testo italiano. Per quanto io ne sappia Antonino Poppi sta o stava provando a miglorare il mio testo con ulteriori correzioni. Tante grazie anche a lui (per tantetante cose!)!



[Versioni di questo testo]